TARSU

Scheda:

<< Torna all'archivio tributi

TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

Che cos'è

La Tassa sulla raccolta dei rifiuti (TARSU) è lo strumento impositivo mediante il quale il Comune è autorizzato a riscuotere il corrispettivo del costo sostenuto per il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti.

CHI PAGA

Sono tenuti al pagamento della tassa rifiuti tutti i soggetti che detengono a qualsiasi titolo un locale o area scoperta ad uso esclusivo ubicato sul territorio comunale. Il legislatore ha ampliato la figura del soggetto passivo oggi individuata nel detentore. Il soggetto passivo è obbligato al versamento indipendentemente dall'effettivo utilizzo del servizio. Non rileva il fatto che il contribuente provveda direttamente ed a proprie spese allo smaltimento quando il Comune ha istituito il servizio pubblico. Se il locale è detenuto da più soggetti: la tassa rifiuti è imputata ad un solo individuo. L'immobile abusivo costruito su terreno demaniale è soggetto alla TARSU, così come risulta tassabile l'immobile per il quale non è ancora stata concessa l'abitabilità.

OGGETTO D'IMPOSIZIONE

La TARSU grava su tutti i locali ed aree a qualsiasi uso adibiti idonei a produrre rifiuti, purché gli stessi rifiuti non rientrino tra i generi ricompresi nelle categorie: speciali, tossici e nocivi. La destinazione d'uso si può intendere come la maggiore o minore idoneità dei locali, in correlazione all'attività svolta, ad incidere sul costo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

DETERMINAZIONE DELLA SUPERFICIE TASSABILE

Il contribuente deve prendere in considerazione, al fine di determinare la superficie tassabile dei locali di sua pertinenza, l'area netta di calpestio espressa in metri quadri. Tale superficie deve essere arrotondata per eccesso o difetto al metro. Le aree operative scoperte sono soggette ad una imposizione tributaria pari al 50% della tariffa di riferimento.

NUOVA OCCUPAZIONE DI LOCALI

In capo ai nuovi detentori il legislatore ha posto un obbligo: informare l'amministrazione locale di tutti gli elementi utili al applicazione della tassa. Il contribuente deve presentare entro il 20 gennaio successivo all'inizio dell'occupazione denuncia unica dei locali ed aree tassabili siti nel territorio comunale. Tale denuncia va redatta sui modelli predisposti dal Comune e dallo stesso messi a disposizione. La denuncia ha validità anche per le annualità successive qualora le condizioni di tassabilità indicate risultino invariate.

CESSAZIONE DI LOCALI

Il legislatore ha previsto l'onere a carico del contribuente cedente di comunicare la cessazione dell'occupazione dei locali. Nel caso di presentazione della denuncia di cessazione nel corso dell'anno di cessazione l'abbuono del tributo decorre dal primo giorno del bimestre solare successivo alla data di cessazione. In caso di mancata presentazione della denuncia nell'anno di cessazione il tributo non è dovuto per le annualità successive se l'utente, che ha prodotto denuncia di cessazione, dimostri di non aver continuato l'occupazione o se la tassa sia stata assolta da altro contribuente.

DETERMINAZIONE DELLA MISURA DEL TRIBUTO

La pretesa tributaria ha carattere annuale e il periodo di prelievo viene identificato con l'anno solare. La tariffa viene determinata dal comune in base al costo del servizio sostenuto e alla percentuale dei costi accollati che intende fare ricadere sui contribuenti e alla maggiore idoneità di alcuni tipi di locali a produrre rifiuti.

CATEGORIE

I locali ed aree sono classificati nelle seguenti categorie:

CATEGORIA A

  • Abitazioni private.
  • Collegi, case di vacanze, convivenze, case di riposo.

CATEGORIA B

  • Attività commerciali all'ingrosso o con superfici espositive; mostre, autosaloni, autoservizi, autorimesse.
  • Aree ricreativo turistiche, quali campeggi, parchi gioco e parchi di divertimento.

CATEGORIA C

  • Musei, archivi, biblioteche, attività di istituzioni culturali, politiche, religiose.
  • Sale teatrali e cinematografiche, sale per giochi, palestre.
  • Autonomi depositi di stoccaggio merci; depositi di macchine e materiali militari; pese pubbliche; distributori di carburante; parcheggi.

CATEGORIA D

  • Attività terziarie e direzionali diverse da quelle relative alle Categorie B, E ed F.
  • Circoli sportivi e ricreativi.

CATEGORIA E

  • Attività di produzione artigianale o industriale.
  • Attività di commercio al dettaglio di beni non deperibili, sia in locali che in aree scoperte (ambulanti).
  • Attività artigianali di servizio.

CATEGORIA F

  • Pubblici esercizi: attività ricettivo alberghiere, ristoranti, trattorie, pizzerie, bar, caffè, fast-food, self service e simili; mense; gelaterie e pasticcerie; rosticcerie.
  • Attività di vendita al dettaglio di beni alimentari o deperibili, sia in locali che in aree scoperte (ambulanti).
Si informa il contribuente che le tariffe qui indicate per estratto sono al netto delle addizionali previste per legge. Le addizionali incidono su ogni tariffa nella seguente misura: E.C.A 10%, addizionale Provinciale 5%.

RIDUZIONI

Le riduzioni tariffarie sono applicate sulla base degli elementi e dati contenuti nella denuncia originaria o di variazione, con effetto dal periodo d'imposta successivo alla data della richiesta, l'ufficio verifica la sussistenza dei requisiti previsti al fine dell'applicazione della riduzione. Il contribuente è tenuto a comunicare entro e comunque non oltre il 20 gennaio dell'anno successivo il venir meno delle condizioni per l'attribuzione dell'agevolazione. Consulta le riduzioni deliberate all' articolo 10 del vigente regolamento disponbile on line.
AGEVOLAZIONI
Consulta le riduzioni deliberate all' articolo 11 comma 1 del vigente regolamento disponibile on line.
ESENZIONI
Le esenzioni sono concesse su domanda degli interessati, a condizione che questi dimostrino di averne diritto, a decorrere dal periodo d'imposizione successivo alla presentazione della richiesta. Consulta le riduzioni deliberate all' articolo 11 comma 2 del vigente regolamento disponibile on line.

PAGAMENTO DELLA TASSA

Con decorrenza 01 gennaio 2001 questo Ente gestisce la riscossione del tributo in questione in forma diretta. Il servizio di riscossione diretta viene effettuato tramite il conto corrente postale numero 37545142. Il contribuente deve effettuare il pagamento mediante il bollettino di versamento postale allegato all'invito al pagamento. L'obbligazione tributaria può essere assolta in 4 rate o in unica soluzione (in quest'ultima ipotesi il versamento deve essere effettuato entro la scadenza della seconda rata)
ACCERTAMENTI
Il Comune di Sauze d'Oulx, emette Avvisi di accertamento per infedele, tardiva ed omessa dichiarazione, emette anche avviso di accertamento per parziale ed omesso versamento, il tutto nel rispetto delle normative vigenti in materia.