SAGRA DELLA PATATA: UN QUARTO DI SECOLO DI TRADIZIONE

Come ogni anno, da un quarto di secolo a questa parte, a metà settembre torna l’appuntamento con la Sagra della Patata di Sauze d’Oulx, tenutasi domenica 22 settembre presso il Parco Giochi Comunale. Una storia che risale a fine anni ’80 con la prima edizione della Sagra della Patata che venne organizzata alla “Stazione Alpina Vittorino Vezzani” in località Richardette, specializzata nell’attività di ricerca e sperimentazione in campo agro-zootecnico e caseario. Un’idea nata dal Comune di Sauze d’Oulx e sviluppata da alcuni produttori locali in sinergia con Giuseppe Contestabile, allora gestore il complesso. Ad inizio degli anni ’90, complici le problematiche della struttura, la Sagra si trasferì in centro a Sauze d’Oulx, presso il Parco Giochi Comunale.

Da allora le patate di Sauze d’Oulx ne hanno fatto di strada giungendo sulle tavole di turisti, villeggianti. Tutto merito della sua bontà e della continua ricerca di nuove qualità per rendere ancor più ricca e variegata l’offerta. Tradizione vuole che ogni anno vengono seminate nuove qualità attinte dalla Banca Semi Europea per provare a vedere come crescono in altura. Dopo una sperimentazione di un paio d’anni, queste varietà vengono poi messe in commercio com’è avvenuto recentemente la “Bleue d’Auvergne” e per la “Burgundy Red”.

Non mancano poi altre qualità scoperte per caso come la  “Violetta”, avvistata una decina di anni fa in un paesino in Bretagna dov’era utilizzata come ornamento, assieme a piante e fiori, per il suo caratteristico colore viola vivace. La Famiglia Vitton ne acquistò un quantitativo che trovò nei terreni di Sauze d’Oulx il suo habitat ideale. Oggi è richiestissima, nonostante la piccola pezzatura, per il suo basso contenuto di sostanza secca e per l’alto contenuto di “mirtillina” da cui deriva il colore.

Anche quest’anno in molti hanno voluto assicurarsi le patate di montagna di Sauze d’Oulx in quanto genuine, coltivate senza concimi chimici se non quello naturale (letame) né diserbati e pesticidi. Un prodotto in cui l’Amministrazione Comunale di Sauze d’Oulx crede molto e continua ad investire ogni anno erogando contributi in denaro ai produttori di patate di montagna di Sauze d’Oulx che osservano le disposizioni riportate dal marchio di Denominazione Comunale (De.Co.) sia per i criteri di coltivazione che per la stagionatura e la conservazione, rigorosamente in casse di legno larice al buio di vecchie cantine montane.